Che cos’è l’osteopatia?

La medicina osteopatica è una scienza basata sulla terapia manuale, a carattere terapeutico e preventivo, con l’obiettivo di ristabilire l’equilibrio funzionale dell’organismo, quindi la corretta intercomunicazione tra i vari distretti anatomici di tutto il corpo.
La manipolazione osteopatica lavorerà quindi sugli adattamenti corporei instaurati in conseguenza a traumi, patologie o scorretti stili di vita che sfociano nella disfunzione somatica, intesa come l’alterazione della funzione delle componenti dell’organismo, causanti e/o conseguenti al sintomo.
L’osteopata rappresenta infatti la figura di “Funzionalista” per eccellenza.

L’osteopatia ci porta, quindi, a riscoprire che la qualità del movimento nelle sue innumerevoli sfaccettature rispecchia la qualità della vita e della salute.

Una postura scorretta, i postumi di un trauma o di una malattia generano conseguenze che, attraverso una riduzione di mobilità, divengono responsabili di un sovraccarico funzionale. La restrizione di movimento influenza la fisiologia del tessuto, spesso provocando danni significativi e l’organismo risponde con adattamenti compensatori che, nel tempo, possono predisporre all’insorgenza di vere e proprie patologie. L’osteopata interviene manualmente, ricercando e correggendo le restrizioni di mobilità e gli squilibri posturali, utilizzando tecniche dolci e mirate. La mobilità recuperata si traduce in uno stimolo riorganizzativo nella distribuzione delle sollecitazioni meccaniche. Ne consegue, quindi, una riduzione degli stress articolari, minor fatica e maggior funzionalità della struttura muscolo-scheletrica, viscerale e cranio-sacrale.

L’analisi funzionale, il percorso metodologico deduttivo e la strategia di trattamento sono i tre passaggi base dell’attività dell’osteopata.

L’osteopata, tramite un approfondito Esame Obiettivo, comprendente di anamnesi della storia clinica del paziente, l’utilizzo di test differenziali e di tecniche manipolative, analizza la mobilità complessiva del corpo e quella più specifica delle sue singole componenti. Individua inoltre le condizioni e le cause per le quali si deducono particolari restrizioni dei movimenti fisiologici e, avvalendosi di una propria metodologia, pianifica e attua un percorso di trattamento mirato al loro ripristino in un’ottica di riequilibrio funzionale, miglioramento sintomatico e soprattutto prevenzione.

Quali sono le indicazioni al trattamento osteopatico? Ci sono restrizioni relative all’età?

Il trattamento osteopatico è indicato per tutte le fasce di età ed ha molteplici indicazioni per il suo utilizzo, tra cui:

  • disturbi dell’apparato muscolo-scheletrico: cervicalgia, colpi di frusta, dorsalgia, lombalgia, sciatalgie o cruralgie, pubalgia, tendiniti ed epicondiliti, alterazioni posturali, distorsioni ed esiti di fratture;
  • disturbi cranio-facciali: cefalee, emicranie, sinusiti, vertigini e alterazioni del senso dell’equilibrio;
  • disturbi dell’apparato occlusale, masticatorio, fonatorio e delle vie respiratorie: in collaborazione con il dentista, l’ortodonzista, l’otorinolaringoiatra e il logopedista per il trattamento di disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare, bruxismo, del sistema linguale e dei disturbi delle vie respiratorie superiori;
  • disturbi viscerali di tipo funzionale: reflusso gastro-esofageo, turbe digestive, colon irritabile, disturbi minzionali, patologia emorroidaria;
  • sequele post-operatorie: l’osteopatia, in affiancamento alla chirurgia e alla fisioterapia nell’iter riabilitativo, può accelerare i tempi di recupero e favorire un miglior risultato finale. Trova indicazione nel trattamento di cicatrici, aderenze post-chirurgiche e drenaggio degli edemi.
  • problematiche psico-motorie e psico-fisiche, risultanti dalla stretta relazione tra psicologia e sistema corporeo;
  • disturbi dell’apparato uro-ginecologico nella donna: alterazioni del ciclo mestruale e problematiche correlate a gravidanza e parto;
  • problematiche in età pediatrica: reflusso gastro-esofageo, coliche, plagiocefalia posizionale e altri i disturbi post-partum presentati dal neonato.

Da tali indicazioni emerge come l’osteopatia offra un vasto campo di applicazioni integrabile a quello di altre figure professionali operanti in ambito socio-sanitario.

Nella sua pratica professionale l’osteopata auspica e ricerca un approccio multidisciplinare per il paziente, che si avvale della cooperazione in Team con le altre figure sanitarie. È da sottolineare come la raccolta dei dati inerenti la storia personale e clinica del soggetto non miri a una conclusione diagnostica, di naturale pertinenza medica, bensì a delineare un corretto inquadramento funzionale che permetta l’esclusione di quelle condizioni che rappresentano una controindicazione assoluta al trattamento osteopatico.

Per informazioni o prenotazioni





Nome e cognome(*)

Telefono(*)

email(*)

Servizio

Seleziona il servizio
  • Seleziona il servizio
  • Odontoiatria e implantologia
  • Psicologia e psicoterapia
  • Logopedia
  • Dietistica
  • Ginecologia
  • Neurologia
  • Psichiatria
  • Psicogeriatria
  • Dermatologia
  • Ortopedia
  • Osteopatia
  • Agopuntura
  • Bodywork
  • Neuropsicomotricità
  • Arteterapia
  • Musicoterapia
  • Polo adozioni
  • Consulenza educativa per famiglie
  • Family TO
  • Piani di finanziamento

Oggetto

Messaggio


Telefono

011-337685


email

info@polistorino.it

logo_polis

Il Poliambulatorio POLIS garantisce alle famiglie l’accesso ai servizi sanitari di base a costi sostenibili