Notizie


L’ortopedia è la disciplina che si occupa di tutte le patologie legate all’apparato locomotore. Si può definire come una branca specialistica della chirurgia. Gli ortopedici sono figure professionali specializzati nella diagnosi e nel trattamento, chirurgico e non del sistema muscolo-scheletrico, per diagnosticare patologie acute, croniche o degenerative a carico della colonna vertebrale, degli arti superiori ed  inferiori. Inoltre la visita ortopedica può essere utile in seguito a traumi che possono aver leso le strutture dell’apparato locomotore.

Il nostro ortopedico, Dott. Marcello Solero, è un medico che crede nella relazione umana e di fiducia tra medico e paziente, nel passa parola tra i pazienti e ai lunghi rapporti che ne scaturiscono. Crede nella missione sociale di Polis,che non smetteremo mai di ricordare: prezzi calmierati ad alta professionalità!

Il dottore ci spiega che “È importante evitare l’autodiagnosi e l’automedicazione, prima di intraprendere un percorso, per diagnosticare patologie acute, croniche o degenerative, è fondamentale sottoporsi a una visita di inquadramento, in grado di indirizzare il paziente verso la risoluzione del problema, e se necessario presso specialisti della disciplina in questione. Si va dall’ortopedico in seguito ad un trauma o per un dolore non precisamente localizzato e non compreso, sai solo di avere un fastidio, magari alla regione inguinale, hai preso un antidolorifico, hai provato a stare a riposo ma il fastidio è ancora lì.. Quello che non sai è che può trattarsi di diverse situazioni, mai da sottovalutare, una sofferenza dell’anca per artrosi, una pubalgia o peggio incarceramento di un ernia e ancora altro purtroppo. Il medico sarà in grado di comprendere i sintomi, somministrare la terapia o indirizzarti verso un esperto della materia, perché è importante sapere che esistono delle sotto specializzazioni dell’ortopedia, esperti in fratture ossee, nella cura delle artriti e osteoartriti, esperti in protesi, reumatologi, medici sportivi, esperti in oncologia muscolo-scheletrica o ancora esperti in malattie dell’infanzia o di determinate parti del corpo come i chirurghi del tunnel carpale.

La prima indagine è quindi di tipo conoscitivo, il medico chiederà non solo dei sintomi ma anche di malattie pregresse, di disturbi avuti, le cure intraprese, il tipo di vita e di attività fisica svolta, il lavoro di ogni giorno. È buona prassi portare con sè eventuali referti, radiografie e quanto altro già in possesso.

Poi si passa all’indagine fisica della struttura e dell’apparato locomotore con eventuali prove di postura e o di movimento, prove di forza e di riflessi ma anche l’individuazione di gonfiori e arrossamenti.

Il medico potrà in fine scrivere la diagnosi e richiedere visite di controllo, prescrivere accertamenti diagnostici come tac, risonanze magnetiche ed altro.

Sarà cura del medico e del personale di Polis consigliarti ed indirizzarti verso i centri specialistici e di accertamento diagnostico, la nostra filosofia ci impegna a non lasciare solo il paziente e ad accompagnarlo verso la guarigione completa!

Se ti è piaciuto l’articolo, seguici sulla pagina Facebook Polis   dove troverai articoli e informazioni sempre aggiornate.

 



La Dott. Soraya Puglisi attraverso un’intervista ci spiega il valore di queste discipline nel panorama sanitario. L’endocrinologo è un medico che si occupa delle diverse patologie dovute alla disfunzione delle ghiandole endocrine, che possono avere impatti anche gravi sulla vita quotidiana se non precocemente diagnosticate e curate.
Per esempio, la Dottoressa sottolinea l’importanza di una valutazione da parte di un esperto dei noduli tiroidei, per i quali è fondamentale escludere la malignità, specialmente in caso di familiarità. Uno screening della funzione tiroidea andrebbe poi effettuato in caso di variazioni del peso, dell’appetito, del sonno. Una condizione di ipotiroidismo (ridotta produzione degli ormoni tiroidei) potrebbe essere alla base di stanchezza eccessiva e rallentamento psicofisico, mentre sudorazione eccessiva e tachicardia potrebbero essere causate da una condizione di ipertiroidismo (eccesso di produzione degli ormoni tiroidei). Di interesse endocrinologico sono anche patologie legate ad alterazioni delle ghiandole sessuali, cioè ovaie e testicoli, che influenzano la sessualità (con calo del desiderio sessuale e difficoltà nei rapporti) e la fertilità, portando talvolta a difficoltà di concepimento. Anche le alterazioni del ciclo mestruale, l’aumento della peluria e l’acne possono essere “campanelli d’allarme” da non sottovalutare. Perfino l’osso produce ormoni, e può essere anch’esso interessato da patologie importanti come l’osteoporosi, che se non trattata può determinare fratture ossee.
Un campo molto ampio è poi rappresentato dalle malattie del metabolismo. A causa dell’eccesso calorico e di uno stile di vita sempre più sedentario, è molto aumentato negli ultimi decenni il numero di pazienti affetti da obesità, sindrome metabolica e diabete, che predispongono ad un elevato rischio cardiovascolare (infarto, ictus cerebrale) e aumentata mortalità. Identificando e trattando precocemente queste alterazioni, il diabetologo può esercitare una preziosa opera di prevenzione.
La prevenzione delle malattie del metabolismo è contraddistinta da una corretta alimentazione e regolare attività fisica, e il contributo del diabetologo è fondamentale per correggere abitudini quotidiane sbagliate e raggiungere l’obiettivo di uno stile di vita sano. Questo, insieme a una corretta terapia farmacologica, rappresenta il pilastro anche della cura del diabete.
La prevenzione delle patologie endocrinologiche deve essere mirata alla necessità del paziente, spiega la Dottoressa Puglisi, dal momento che i disturbi endocrinologi sono spesso legato a fattori genetici e ambientali e allo stile di vita. E’ compito del medico individuare i giusti percorsi diagnostici e terapeutici per ogni paziente, evitando esami inutili, costosi e spesso fonte di immotivate preoccupazioni.



Ecco il clip dell’intervista alla Dottoressa Soraya Puglisi sul nuovo servizio di Endocrinologia e Diabetologia al Poliambulatorio Polis.

Come prevenire le patologie che riguardando le disfunzioni delle ghiandole endocrine e come agire tempestivamente quando si avvertono delle anomalie riguardanti il ciclo del sonno, variazioni repentine di peso e cambiamenti nella sessualità apparentemente ingiustificati. Ne abbiamo parlato con la Dottoressa Soraya Puglisi che ha fornito ai pazienti consigli sui comportamenti da adottare soprattutto in un’ottica di prevenzione in modo da ottimizzare le terapie e gestire al meglio l’eventuale malattia.

Prestare attenzione ai primi sintomi e sottoporsi a controlli periodici è il primo passo per mantenere un buono stato di salute!

 

 



 

PER TUTTO IL MESE DI APRILE

INCONTRI GRATUITI DI ARTETERAPIA

 

Lo sapevi che con l’arteterapia si può lavorare su:

*facilitare l’espressione emotiva e favorire il controllo della frustrazione e della rabbia

* stimolare l’esplorazione sensoriale dei materiali

*sviluppare il mantenimento dell’attenzione su una specifica attività

*esplorare e riconoscere le emozioni attraverso la loro rappresentazione cromatica, tattile e, laddove possibile, semantica

*condividere e socializzare attraverso lavori in coppia o in piccoli gruppi

* incrementare la capacità di simbolizzare

*acquisire e migliorare le abilità manuali motorie fini propedeutiche alle attività grafiche (es. pre-scrittura, scrittura, disegno, etc.) ed alle attività quotidiane (es. allacciarsi le scarpe, impugnare la forchetta, lavarsi i denti, etc.)

*costruire ambienti, situazioni, personaggi da utilizzare per simulazioni e role play, finalizzati alla riduzione dei comportamenti problema e all’incremento delle abilità sociali

*sviluppare il concetto di prospettiva allo scopo di affinare la percezione della realtà

*sviluppare la visione d’insieme a discapito dei particolari, al fine di espandere la porzione di realtà percepita ed elaborata

…. E altro ancora!

 

NELL’AMBITO DELL’INIZIATIVA SARA’ POSSIBILE RICHIEDERE INCONTRI DI PROVA GRATUITI ANCHE DI MUSICOTERAPIA, NEUROPSICOMOTRICITA’ E PSICOLOGIA

Per informazioni e appuntamenti:

Dott.ssa Cristina Gavazza, Psicologa, Psicoterapeuta. Tel. 3381339764

Dott. Andrea Meirone, Neuropsicomotricista. Tel. 3454289729

Dott.sa Elisa Noce, Psicologa, Arteterapeuta, Tecnico ABA. Tel. 3452271055

Dott. Fabio Pelassa, Musicoterapista. Tel. 3491057090



LA SEDAZIONE COSCIENTE

COS’È?

La sedazione cosciente è una tecnica analgesica sicura e consolidata (utilizzata con successo da oltre sessant’anni nei paesi anglosassoni e soprattutto negli Stati Uniti, in Italia ad oggi solo dal 5% dei dentisti) che permette di affrontare le cure odontoiatriche senza dolore, ansia, paura e stress.
E’ una tecnica molto leggera e non invasiva, per questo adatta a tutti!

Può essere abbinata a qualunque trattamento: cura delle carie, protesi, cure canalari, estrazioni, terapie gengivali, implantologia.

La sedazione cosciente desensibilizza la mucosa orale, riducendo quindi la sensibilità e il dolore e favorendo un senso di benessere e tranquillità tp7f376.

COME FUNZIONA?

Attraverso una mascherina nasale, il paziente respira una miscela di aria, ossigeno e protossido d’azoto, in percentuali personalizzate da paziente a paziente.
Già dopo pochi respiri inizia l’effetto di rilassatezza, pur restando sempre coscienti e vigili.
Al termine della seduta viene somministrato ossigeno puro per qualche minuto, dopodiché il paziente è immediatamente in grado di lasciare lo studio dentistico da solo e di guidare.

La sedazione cosciente con protossido d’azoto è un metodo assolutamente sicuro, in quanto non è tossico, non viene metabolizzato dall’organismo, ma è completamente eliminato attraverso la respirazione e non causa allergie.

PER CHI È ADATTA?

Non avendo controindicazioni, la sedazione cosciente è adatta a tutti i pazienti con paura per le cure odontoiatriche ed in particolare per alcune catergorie:

 

  • BAMBINI
  • ANSIOSI/FOBICI
  • ANZIANI
  • DISABILI

 

E’ sconsigliata solo a questi pazienti: donne nei primi tre mesi di gravidanza, tossicodipendenti, in cura antidepressiva affetti da infezioni polmonari, con gravi degenerazioni mentali.

 

IN CHE MODO È SICURA LA SEDAZIONE COSCIENTE CON PROTOSSIDO D’AZOTO?

Il protossido d’azoto è una sostanza gassosa con le seguenti caratteristiche:

  • inerte
  • non tossico
  • non esiste allergia al protossido
  • non viene metabolizzato dall’organismo
  • ha una bassa potenza anestesiologica
  • non presenta controindicazioni
  • non altera i riflessi tutelari, come deglutizione e tosse, che restano sempre presenti

 

QUANDO SI USA

 

  • nell’igiene: desensibilizzando la mucosa orale si può evitare l’anestesia, talvolta richiesta o necessaria che rimane spesso la maggior fonte di ansia per i pazienti
  • nella presa delle impronte: elimina o diminuisce notevolmente il riflesso emetico
  • nella chirurgia: è la tipologia di operazioni che più spaventano il paziente, con la sedazione lo si rende sereno e collaborativo
  • interventi lunghi: spesso spazientiscono, sedandoli la percezione del tempo si contrae ed essendo più collaborativi le tempistiche si accorciano

 

 

I VANTAGGI DELLA SEDAZIONE COSCIENTE

  • Il paziente, essendo rilassato, collabora attivamente con il dentista e quindi si riducono notevolmente i tempi necessari per effettuare il trattamento odontoiatrico
  • Si riduce, di conseguenza, la quantità di analgesici ed antibiotici, perché assunti in relazione al numero minore di sedute.
  • Il recupero nei giorni seguenti alle terapie odontoiatriche e/o chirurgiche è molto più rapido ed indolore rispetto alle terapie realizzate su più appuntamenti
  • L’effetto di rilassamento è quasi immediato, così come la scomparsa a fine trattamento
  • Può essere utilizzata ripetutamente e anche per i trattamenti semplici, come igiene e cura della carie

 

POLIS SI PRENDE CURA DI TE E DEL TUO BENESSERE GENERALE….CHIAMACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI E RICORDA CHE LA PRIMA VISITA ED IL PREVENTIVO SONO SEMPRE GRATUITI!!


logo_polis

Il Poliambulatorio POLIS garantisce alle famiglie l’accesso ai servizi sanitari di base a costi sostenibili